SE PROTEGGI I DATI DEI TUOI CLIENTI, LORO TI PREMIERANNO

Proteggi i dati, acquista clienti

Poniamo che voi siate il gestore di una pizzeria e vogliate informare i vostri clienti dei nuovi gusti di pizza che proponete ogni mese.
Per fare questo avrete bisogno del loro numero di telefono, in modo da potergli inviare un sms promozionale ad hoc.
Siete quindi il titolare del trattamento, vale a dire colui che tratta i dati personali, perché avete deciso mezzi e finalità dell’attività del trattamento medesimo, che nel nostro caso è una finalità di marketing.

Ed è qui che il GDPR chiede a tutti i titolari del trattamento un cambio di passo: siete infatti chiamati a progettare la vostra attività di trattamento in maniera tale da risultare intellegibile alla platea dei vostri consumatori o clienti, oltre che conforme al nuovo regolamento.

Il GDPR vuole che la protezione del dato diventi parte integrante del rapporto di conoscenza e fiducia che si stabilisce con l’interessato al trattamento, cioè il vostro cliente.

GDPR E STRATEGIE DI MARKETING, BINOMIO VINCENTE.

Insomma, per aderire a questi principi, dovremo rendere la nostra idea di marketing una grande opportunità di fidelizzazione del cliente.
Perché allora non creare una brochure accattivante, che possa fungere da informativa ai clienti, nel quale spiegare in maniera semplice ed immediata le ragioni per le quali si raccoglie il dato personale del numero di telefono.
All’interno della stessa brochure, si potrebbe precisare che tale dato verrà trattato al solo scopo di inviare 1 sms al mese, comunicando ai clienti le “pizze speciali” che saranno proposte nel corso di quello stesso mese.
In questo modo i clienti sapranno che la vostra campagna di marketing non sarà affatto invasiva ed, anzi, avranno il piacere di ricevere messaggi riguardanti un prodotto che conoscono ed apprezzano.

I VANTAGGI PER L’IMPRENDITORE E PER IL CLIENTE.

L’idea è proprio quella di rilasciare la brochure nel momento in cui il cliente avrà già acquistato e, presumibilmente, assaggiato la vostra pizza.
In questo senso, l’attività di marketing non verrà da loro percepita come un’attività indesiderata, perché sono stati informati del fatto che vi limiterete all’invio di un messaggio promozionale, a cadenza mensile, riguardante un bene analogo a quello che hanno già acquistato e mangiato.
E’ chiaro che, a margine di tutto ciò, dovrete ricordarvi di raccogliere il loro consenso per queste specifiche finalità di marketing, o di valutare l’esistenza di un’altra base legale per legittimare il trattamento (nello specifico il c.d. interesse legittimo, di cui avremo modo di parlare nei prossimi articoli e che permette di procedere al trattamento in assenza di consenso).
In ogni caso, se dovrete acquisire il consenso sarà più facile ottenerlo in quanto avrete creato le condizioni affinché la persona interessata vi dica di sì.

All’esito, Il vostro cliente avrà infatti compreso le finalità della vostra promozione, ma anche i vantaggi che ne trarrà per sé stesso; in questo caso, di essere aggiornato sulle pizze del mese.

UNA ESCALATION DI OPPORTUNITÀ.

Con un semplice accorgimento avrete adottato un’efficace azione di marketing; un marketing positivo, diretto a clienti fidelizzati.
Lo avrete fatto utilizzando i nuovi strumenti di comunicazione, in questo caso una brochure, che consentirà la comprensione immediata delle vostre finalità di trattamento.
Avrete inoltre consolidato il rapporto con i clienti più fedeli, che resteranno sempre aggiornati sugli ultimi prodotti, ma soprattutto avrete acquisito nuovi potenziali clienti fidelizzati.

Pensiamo a chi si reca per la prima volta nel locale, perché mosso dalla curiosità di assaggiare il nuovo gusto del mese, di cui magari ha sentito parlare da un amico al quale è stato inviato il messaggio di promo.

Pensiamo anche a quante nuove opportunità di marketing potrebbero nascere da questa singola attività promozionale, dietro cui si cela una vera e propria attività di trattamento dei dati, che tale non appare in virtù delle modalità innovative di acquisizione del dato.

Sarebbero numerosi gli esempi da fare su questa falsa riga, ma per ora vi abbiamo stuzzicato con una semplice idea di trattamento dei dati in linea con gli ideali espressi dal nuovo regolamento, che se da una parte impone rigorosi standard di protezione dei dati rispetto ai quali dovremo conformarci, dall’altra, rappresenta un’enorme opportunità per le imprese di sviluppare nuove linee di business, creando fatturato.
Per rimanere in tema, questo era solo un assaggio.